venerdì 17 novembre 2017

Nuovi oneri detraibili dal 2017



La manovra fiscale per il 2018 avanza a colpi di fiducia (ma continuiamo a chiamarlo sistema parlamentare) e ieri l'ha ottenuta al Senato.

Nella speranza che alla Camera non subisca modifiche, vediamo quali sono le novità al momento più di portata generale:


⧬ ONERI DETRAIBILI IN DICHIARAZIONE REDDITI

Alimenti medici – Entrano a far parte delle spese sanitarie detraibili ai fini IRPEF quelle sostenute per l'acquisto di alimenti a fini medici speciali
Si tratta delle spese sostenute per l'acquisto di alimenti inseriti nella sezione A1 del Registro nazionale. Questa disposizione ha durata biennale e si applica limitatamente ai periodi d'imposta in corso al 31 dicembre 2017 ed al 31 dicembre 2018.

Detrazioni per universitari fuori sede – Viene estesa la detrazione d'imposta per canoni di locazione, prevista per gli studenti universitari fuori sede, anche all'ipotesi in cui l'università sia ubicata in un comune distante da quello di residenza almeno 50 km e gli studenti fuori sede siano residenti in zone montane o disagiate. La detrazione è concessa per i periodi d'imposta in corso al 31 dicembre 2017 e al 31 dicembre 2018.

AGEVOLAZIONI PER IMPRESE E PROFESSIONISTI

Credito per investimenti pubblicitari – E’ previsto un credito di imposta in favore di imprese e lavoratori autonomi che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line, nonché sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, il cui valore superi almeno dell’1% quelli, di analoga natura, effettuati nell’anno precedente; il raffronto è tra le spese sostenute nel periodo 24.06 - 31.12.2017 e quelle del medesimo intervallo temporale 2016 (secondo l'interpretazione prevalente). 
Il credito sarà utilizzabile -dal 2018- esclusivamente in compensazione ed è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, innalzato al 90% nel caso di piccole e medie imprese, microimprese e start-up innovative. Come spesso succede dovremo attendere un apposito decreto per conoscere le modalità ed i criteri di attuazione dell’agevolazione.